730 integrativo, c’è tempo fino al 25 ottobre

I contribuenti che hanno commesso errori a proprio sfavore nel modello ordinario potranno correggerlo con un integrativo.

Infatti sarà possibile presentare entro il 25 ottobre un modello 730 integrativo.

L’errore deve aver generato e determinato o un maggiore credito a rimborso oppure un minor debito.

Il modello 730 integrativo deve essere presentato ad un Caf o professionista abilitato, anche nel caso in cui tramite l’assistenza fiscale del sostituto di imposta o in caso di trasmissione diretta all’Agenzia delle Entrate da parte del contribuente.

Ecco le casistiche di integrazione:

  • variazioni che determinano maggiore credito, minor debito o un’imposta invariata;
  • integrazione della dichiarazione in relazione esclusivamente ai dati del sostituto d’imposta se nel modello ordinario i dati del sostituto sono stati indicati sbagliati;
  • modifiche della dichiarazione in relazione sia ai dati del sostituto d’imposta sia ad altri dati della dichiarazione da cui scaturiscono un maggior importo a credito, un minor debito oppure un’imposta invariata e quando ci siano errori sia errori relativi ai dati che consentono di identificare il sostituto sia di aver omesso elementi da cui deriva un maggior importo a credito, un minor debito oppure un’imposta pari a quella determinata con il 730 originario.

Entro il 12 novembre 2018 il Caf:

  • verificha la conformità dei dati esposti nella dichiarazione integrativa;
  • effettua il calcolo delle imposte;
  • consegna al contribuente copia della dichiarazione integrativa e il prospetto di liquidazione Modello 730-3 integrativo;
  • comunica al sostituto d’imposta il risultato finale della dichiarazione;
  • trasmette telematicamente all’Agenzia delle entrate le dichiarazioni integrative.
Condividi la notizia sui Social
Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Share on linkedin
Share on whatsapp
Redazione CAF Fenalca
Redazione CAF Fenalca

ll centro assistenza fiscale svolge attività di assistenza fiscale nei confronti dei lavoratori dipendenti, dei pensionati, degli iscritti al Sindacato Fenalca e dei contribuenti non titolari di lavoro autonomo e di impresa.

Vedi tutti i post pubblicati

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

UTILIZZA LA NOSTRA APP
Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato sulle nostre ultime novità!

Ci impegniamo a proteggere la vostra privacy.

Articoli Popolari
Apri chat
Serve aiuto?
Ciao, come possiamo aiutarti?