18 dicembre 2014
fenalca

In Primo piano

Sindacato

TAGLIO AI PATRONATI - COMUNICATO STAMPA: La guerra contro i patronati è una guerra contro i contribuenti, per questo ieri il presidente della Federcontribuenti, Paccagnella assieme a Luca Silvestrone direttore del centro servizi alle PMI si sono incontrati a Roma con i vertici del Patronato Fenalca, del Patronato Senas e del Patronato Inpas per focalizzare l’attenzione su  scelte politiche non comprensibili e illegittime che si potrebbero concretizzare nel ridurre drasticamente o addirittura decretare la sopravvivenza per la maggior parte di questi Enti a servizio dei cittadini. In queste poche ore alla Commissione bilancio del Senato hanno iniziato ad esaminare le centinaia di emendamenti proposti, inizia una vera e propria guerra al fine di innalzare i requisiti per la sopravvivenza dei patronati di media dimensione che potrebbe decretare la morte di 20 Patronati su 28 esistenti senza alcun risparmio per lo stato. Infatti, il fondo patronato è distribuito a tutti i patronati in ragione dell’effettivo numero di pratiche previdenziali ed assistenziali definite con esito positivo e quindi non v’è alcuna ragione di imporre nuovi e stringenti requisiti se non quello di favorire a danno di tanti altri che assicurano la presenza territoriale anche nelle zone più remote del paese facendo pagare con l’assenza di servizi le fasce della popolazione più debole.


Patronato

RIFORMA PATRONATO, A RISCHIO 16 SIGLE SU 27 E PERDITA DI 4000 POSTI DI LAVORO.

Rippa (Fenalca): "Il Governo a chi vuole far pagare il pedaggio? A rischio le liberta' costituzionali per favorire la CGIL".

Genera forti discussioni in queste ore la normativa dei tagli ai patronati, in rilettura alla Camera, in discussione con la legge di stabilita'. A rischio oltre 4.000 posti di lavoro nel campo dei servizi al cittadino e alle imprese assicurati dal mondo dei caf, patronati e sindacati che svolgono un ruolo di assistenza storicizzato e organizzato in modo capillare sull'intero territorio nazionale. In allarme ben 16 sigle di patronati riconosciuti dal Ministero del Lavoro su un totale di 27.  

 

Pensionati

INPS, AVVIO DELLA CAMPAGNA RED 2014.

L'Inps sta inviando il "bustone" per la richiesta delle dichiarazioni riguardanti la sussistenza dei requisiti per il diritto alle prestazioni assistenziali. Con un comunicato stampa di ieri 1° settembre, l'Inps ha reso noto di aver dato inizio alla campagna 2014 per la verifica dei redditi e del diritto alle prestazioni assistenziali, con l’invio del cosiddetto “Bustone” per la richiesta delle dichiarazioni relative alla situazione reddituale e/o delle dichiarazioni di responsabilità riguardanti la sussistenza dei requisiti per il diritto alle prestazioni assistenziali. Ogni richiesta reca la data entro la quale deve essere restituita la dichiarazione.

 

 

Diventa socio

Fenalca Card


Per ogni informazione contatta il nostro numero verde. La telefonata è gratuita.